Il sistema di partecipazione e di tutela dei cittadini

La Fondazione Monasterio pone al centro della propria attività la persona umana e, conseguentemente, riconosce e promuove la partecipazione dei cittadini alla migliore gestione del servizio sanitario.

Alla luce della legge regionale 75/2017 "Disposizioni in materia di partecipazione e di tutela dell'utenza nell'ambito del servizio sanitario regionale. Modifiche alla lr 40/2005", che prevede il riordino degli organismi di partecipazione dei cittadini, l' Ente ha insediato il Comitato Aziendale di Partecipazione, composto, in questa prima fase, da:

  • CITTADINANZA ATTIVA
  • AICCA (Associazione Italiana Cardiopatici Congeniti Adulti)
  • CONALBE
  • UN CUORE UN MONDO
  • AIDE (Associazione Italiana Dislipidemie Ereditarie)

Con la legge regionale 75/2017 si vuole affermare una cultura diffusa che consenta un'autentica collaborazione dei cittadini ai processi di disegno e sviluppo dei servizi socio sanitari, mediante il loro contributo al processo decisionale e di monitoraggio, in coerenza ai principi di equità, umanizzazione e appropriatezza.

Il comitato aziendale di partecipazione ha funzioni di consultazione e proposta, a supporto della direzione aziendale, in merito alla qualità dei servizi erogati dall'azienda, con particolare riferimento all'equità nell'accesso e nella fruizione dei servizi. In particolare:

  1. contribuisce alla predisposizione di documenti di programmazione aziendale, riguardo al rispetto del diritto alla salute dei cittadini nonché alla qualità dei servizi;
  2. svolge attività di monitoraggio in merito al rispetto delle garanzie e degli impegni indicati dalla carta dei servizi, tenendo conto degli strumenti di ascolto e di valutazione partecipata e degli indicatori di qualità, sulla base di elementi misurabili, attività di analisi e monitoraggio degli scostamenti tra i singoli obiettivi;
  3. partecipa ai processi informativi e comunicativi tra azienda e cittadini, al fine di assicurare la chiarezza delle informazioni e l'efficacia della comunicazione, nonché di promuovere un uso appropriato e consapevole dei servizi;
  4. propone incontri con i cittadini, volti a facilitare l'accesso ai servizi, il mantenimento dello stato di salute, l'informazione sulle cure e l'adeguato ricorso ai servizi.

A livello regionale è stato istituito il Consiglio dei Cittadini per la Salute al quale è stato designato un componente del Comitato Aziendale.

http://www.regione.toscana.it/-/nuovo-sistema-di-partecipazione-nel-servizio-sanitario