Vendute cento opere per l'OPA

  • Stampa

Consegna dell'assegno al DG della Fondazione Monasterio

Ricavati 3.600 euro dall'asta di beneficenza organizzata dall'associazione no profit Sibilla Eritrea. Al progetto hanno partecipato 120 artisti. 

Fondazione Monasterio: «Compreremo una culla termica»

Dall'articolo del Tirreno Massa del 21 febbraio 2016

MASSA. È stato consegnato direttamente nelle mani di Luciano Ciucci, direttore amministrativo della Fondazione Toscana Monasterio, ente che gestisce l’Ospedale pediatrico apuano, l'assegno di 3.600 euro ricavato grazie all’asta di beneficenza organizzata lo scorso dicembre, dall’associazione no profit “Sibilla Eritrea”. Il prezioso contributo aiuterà l’ospedale nell’acquisto di una culla termica, una culla speciale che riproduce condizioni simili a quelle della vita intrauterina assicurando al neonato il giusto grado di temperatura, indispensabile per il trasferimento del piccolo dalla sala parto a terapia intensiva.

«I bambini affetti da questo tipo di patologia (cardiopatia, ndr) sono purtroppo in aumento - spiega il dottor Ciucci - e considerato anche che sempre più mamme cardiopatiche scelgono di partorire qua sapendo che siamo un centro specializzato, la sola culla termica che abbiamo in reparto non è più sufficiente».

È la prima volta che l’associazione Sibilla Eritrea, ente dedito alla realizzazione di eventi e incontri in vari campi e settori (dall’economia, al sociale, all’arte) allo scopo di diffondere e valorizzare le realtà culturali del territorio, sostiene un’iniziativa in favore dell’Opa; e il successo è stato inaspettato.

Al progetto hanno partecipato ben 120 artisti, non solo di Massa ma di varie regioni d'Italia, con 160 disegni creati apposta per l'occasione: i disegni sono stati esposti a Carrara presso il suggestivo palazzo “I Salotti” per quattro giorni, durante i quali i visitatori potevano registrarsi e prenotarsi per l’acquisto poi avvenuto successivamente attraverso un’asta, svoltasi sempre al Palazzo del Medico.

continua e leggi l'intero articolo del Tirreno