Gabriele Monasterio (1903-1972)

GM studio

"Facesti come quei che va di notte,
che porta lume dietro, e sé non giova,
ma dopo sé fa le persone dotte"

.................... Dante, Purgatorio, XXII,67

 

Nel 1965, nell'introduzione al rapporto sul primo decennio di attività della Clinica Medica di Pisa da lui diretta, Monasterio scriveva:
"Conciliare l'esigenza dell'unità della clinica con quella di una indagine scientifica razionale, di un insegnamento aggiornato e più efficace, e di una assistenza adeguata alle attuali possibilità di diagnosi e cura, è il problema più arduo che nel presente debba affrontare il clinico medico. Per conferire alla clinica, nella misura più larga e più valida, i carattere della scienza biologica, che le sono propri, consentendole di progredire al ritmo delle altre scienze, bisogna infatti cercare di ridurre la crescente lacuna che si è andata stabilendo tra essa e le scienze di base e tecnologiche."


Questo dice tutto del professor Monasterio come scienziato: questo è il messaggio fondamentale, la chiave del fascino che Gabriele Monasterio ha esercitato su tante generazioni di medici e di studenti. L'esigenza dell'unità della clinica, il richiamo all'unità del problema del malato che non può essere frammentato nei suoi organi e nelle sue patologie, ma nello stesso tempo la necessità di conciliare questo con l'esigenza di un'indagine scientifica razionale, che non può che essere specializzata, che non può non vedere separatamente i singoli organi e le singole funzioni.
"L'insegnamento aggiornato ed efficace": è stato questo una delle costanti più belle e più importanti dell'attività di Gabriele Monasterio , che egli perseguiva con la più grande determinazione, insieme allo sviluppo della qualità della assistenza ed alla evoluzione dei mezzi di diagnosi e di cura.
Questa necessità di non fermarsi, di adeguare continuamente diagnosi e cura alla evoluzione del processo scientifico, è stata per un'altra molla perenne nell'attività di Monasterio. Ma per noi giovani uno degli aspetti più affascinanti della sua personalità , fu anche la sua capacità di farci vedere la clinica come una scienza biologica, di ricondurla alla misura della biologia dei sistemi viventi, senza mai dimenticare che in questo sistema biologica si innesta l'uomo con tutta la sua complessità psicologica, morale, sociale.

Da L.Donato: Ricordo di Gabriele Monasterio, 1987

Gestione e governo

Direzione Aziendale
  • Dr. Luciano Ciucci - Direttore Generale
  • Dr. Maurizio Petrillo - Direttore Sanitario
  • Dr. Marco Torre - Direttore Amministrativo

 

Consiglio di Amministrazione

Presidente onorario: Prof. Luigi Donato

 

  • Prof. Tullio Pozzan - nominato dal CNR - Presidente
  • Prof. Ubaldo Bonuccelli - nominato dalla Regione Toscana
  • Prof. Romano Danesi - nominato dalla Regione Toscana
  • Prof. Francesco Frati - Rettore dell'Università di Siena
  • Prof. Mauro Ferrari - delegato del Rettore dell'Università di Pisa
  • Dr. Giorgio Iervasi - Direttore IFC-CNR
  • Prof. Massimo Pistolesi  - delegato del Rettore dell'Università di Firenze
  • Prof. Niccolò Marchionni - nominato dalla Regione Toscana
  • Prof. Giuseppe Biamonti - nominato dal CNR

 

Collegio dei Revisori dei Conti
  • Dr. Giuseppe Diana - Presidente
  • Rag. Ferdinando Braconi
  • Dr. Roberto Franceschi

Sostieni la Fondazione e la ricerca

Fondazione Toscana Gabriele Monasterio

Sostieni ftgm

E' possibile sostenere le attività della Fondazione effettuando una donazione:

Le donazioni, ove rivestano carattere di modico valore, possono essere effettuate direttamente sul conto corrente della Fondazione, (causale "Fondo per le donazioni liberali", con l'indicazione dell'eventuale destinazione specifica), oppure recandosi direttamente presso le sedi amministrative di Stabilimento:
• Stabilimento di Massa: via Aurelia Sud 54100 Massa (Primo piano) – Elisabetta Donnini (Tel. 0585/493667)
• Stabilimento di Pisa: Area della Ricerca CNR via Moruzzi, 1 (Piano terra) – Francesca Boni (Tel. 050/3153380)
Per le donazioni di valore superiore è invece opportuno prendere contatti con l'U.O. Affari Generali e Legali (tel. 050/3153731) per definire le modalità di erogazione.
Dell'importo e dell'impiego delle somme ricevute sarà data periodica comunicazione.
Informazioni bancarie relative alla Fondazione Toscana Gabriele Monasterio:

BANCA NAZIONALE DEL LAVORO
AGENZIA CNR – VIA MORUZZI 56124 PISA
C/C N. 1024
ABI 01005
CAB 14003
COD. IBAN IT20R0100514003000000001024

Fondazione Toscana Gabriele Monasterio

medici

Costituita dal Consiglio Nazionale delle Ricerche e dalla Regione Toscana per la gestione e l'ulteriore sviluppo delle attività sanitarie specialistiche e di ricerca di interesse del SSR toscano, già svolte dall'Istituto di Fisiologia Clinica CNR, la Fondazione costituisce un ente pubblico specialistico del Servizio Sanitario Regionale, ai sensi della Legge n. 85/2009.
Due sono le sedi delle attività: lo Stabilimento ospedaliero di Pisa, presso l'Area della Ricerca CNR, e quello di Massa (Ospedale del Cuore "G. Pasquinucci", già Ospedale Pediatrico Apuano), in località Montepepe.
La Fondazione costituisce un centro di alta specialità per la cura delle patologie cardiopolmonari, comprese le patologie rare di interesse specifico, quali ad esempio le cardiopatie congenite, le dislipidemie ereditarie, l'emocromatosi, l'ipertensione polmonare e l'amiloidosi.

Essa eroga in particolare prestazioni di:

  • cardiologia neonatale, pediatrica e per adulti
  • emodinamica diagnostica ed interventistica neonatale e pediatrica (ambiti in cui costituisce centro di riferimento regionale)
  • emodinamica diagnostica ed interventistica per per adulti
  • elettrofisiologia
  • cardiochirurgia neonatale e pediatrica (ambiti in cui costituisce il centro di riferimento regionale)
  • cardiochirurgia per adulti
  • anestesia e terapia intensiva neonatale, pediatrica e per adulti
  • pneumologia
  • endocrinologia e malattie del metabolismo
  • trattamento delle ipercolesterolemie (rispetto a cui è centro di riferimento regionale)
  • imaging diagnostico avanzato: radiodiagnostica, medicina nucleare, risonanza magnetica nucleare
  • medicina di laboratorio.

L'attività assistenziale combina una impostazione specialistica a livello delle competenze mediche e chirurgiche con una impostazione per intensità di cure a livello organizzativo, che si esplica in regime di degenza, ambulatoriale, di day hospital e day service.
Presso la Fondazione, il paziente è al centro di un sistema multidisciplinare che offre i più moderni ed appropriati percorsi preventivi, diagnostico-terapeutici e riabilitativi, grazie all'alto profilo delle competenze disponibili, alla disponibilità delle tecnologie più avanzate per la diagnostica funzionale, d'immagine e di laboratorio ed alla completea informatizzazione delle attività cliniche e di gestione.
La Fondazione, inoltre, svolge attività di ricerca in ambito sanitario e delle tecnologie applicate alla sanità, anche in collaborazione con Istituti del Consiglio Nazionale delle Ricerche - primo tra tutti l'Istituto di Fisiologia Clinica - le Università, Scuole Superiori e con l'Industria.
Ogni articolazione operativa, dipartimento od unità operativa, svolge al contempo attività sanitarie specialistiche ed attività di ricerca ad esse correlate, traendo dall'esperienza dell'attività clinica spunti per l'investigazione di ricerca e, dai risultati dalla ricerca e dell'innovazione suggerimenti per il miglioramento della pratica clinica.